skeu_vs_flat

Scheumorfismo vs. Flat Design

Con questo post vorrei prendere in analisi due "correnti" rappresentative che hanno contraddistinto due ere ben definite, per lo meno quando parliano di interfacce grafiche.
La prima, lo Scheumorfismo, usato per anni nelle interfacce grafiche e contestato, dopo la morte di Steve Jobs, alla stessa Apple per l'uso eccessivo.


La seconda, il Flat Design, sta rimpiazzando lo scheumorfismo, ha visto un incremento della sua popolarità del 200% rispetto all'anno scorso ed è considerato il futuro.
Per molto tempo le interfacce grafiche hanno sempre cercato di rendere facile ed intuitivo l'utilizzo da parte dell'utente, basti pensare alle classiche interfacce per smartphone, alle interfaccie di software per la musica o interfacce per software specifici nel campo militare, ammistrativo ecc. Per riuscirci i designers hanno fatto ricorso allo scheumorfismo, cercando quindi di far sembrare familiari all'utente gli oggetti con cui interagiva (barre di scorrimento, pulsanti ecc.) e ci sono riusciti molto i bene, tenendo in mente che quanto più un oggetto poteva richiamare la realtà, tanto più un utente poteva compenderne l'uso ed il significato.
Questo è stato il cavallo di battaglia di molti interfacce, finchè un giorno si presenta alle porte una corrente estetica contrapposta: il Flat Design.
Prendendo spunto dal Modern Design Movement (Bauhaus – che continua ad ispirare n.d.r.) e dall'Internation Typographic Style, Microsoft ha redisegnato i principi che stanno alla base delle interfacce grafiche, soprattuto a causa l'aumento della complessità delle funzioni dei device di oggi. L'obiettivo? Rendere un'interfaccia composta da contenuti, leggibile ed oggettiva. Molti designers, infatti, si rendono conto di come la ricerca della familiarità tra realtà e interfacce sia ormai obsoleta, poco adatta e pesante in termini di memoria occupata, mentre il Flat Design viene ribattezzato come il design "buono" perchè rende giustizia ai contenuti che vengono offerti in maniera semplice, intuitiva e leggera.
La stessa Apple ha dovuto eseguire un cambio di rotta, ma non senza un'accesa discussione tra designers che può far riflettere sui cambiamenti e le intenzioni che hanno spinto al passaggio da skeumorfismo a flat design.
Quello a cui stiamo assistendo ed assisteremo nei prossimi anni è quindi un passaggio non solo estetico ma culturale, per ciò che riguarda le interfacce e la gestione dei contenuti, avviato da Microsoft e seguito ormai da tutti. Per questo penso sia utile condividere il link in cui la stessa Microsoft spiega il processo che ha portato al passaggio al Modern Design, disponibile qui.

Per concludere vi rimando al link di un'infografica che vi può essere molto utile realizzata da SHUTTERSTOCK e che riguarda i trends globali del design per il 2014:
http://www.shutterstock.com/blog/infographic-shutterstocks-global-design-trends-2014